A  Genova, una commissione ha regolamentato i parametri di correzione delle prove pratiche, scritte ed orale delle Sezioni A e B.

Prescindendo dai punteggi, possiamo prendere per buoni questi parametri per tutte sedi d’Italia.

Sono parametri oggettivi per una sana valutazione, quasi ovvi,  un “modus operandi” tipico di un architetto-esaminatore  di una certa esperienza.

Cogliamo questo momento di scrittura, per ricordare ai colleghi architetti che si accingono a fare i commissari che l’EdS è una cosa seria, è un atto amministrativo con responsabilità civili e penali, pertanto occorre dedizione e attenzione. Consigliamo di collaudare prima i temi e di redigere un regolamento da allegare  agli atti.

segue….

PRIMA PROVA PRATICA (l°giorno)

1. completezza e coerenza (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla completezza e alla coerenza del progetto, attinenza del progetto alle tracce assegnate.

2. correttezza (massimo 20 punti)

Valutazione in merito alla correttezza delle soluzioni adottate, in particolare per gli aspetti riguardanti:

– organizzazione funzionale

– rispondenza alle norme

– requisiti igienico-sanitari

– efficienza energetica e sostenibilità

3. qualità (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla qualità della soluzione progettuale, in particolare per quanto riguarda i seguenti aspetti:

– qualità comunicativo-informativa e grafica

– qualità delle soluzioni tecniche e tecnologiche proposte

– qualità ambientale

PRIMA PROVA SCRITTA (l°giorno)

1.  completezza e coerenza (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla completezza e alla coerenza rispetto alla traccia assegnata

2.  correttezza (massimo 20 punti)

Valutazione in merito alla correttezza delle argomentazioni in particolare per gli aspetti riguardanti:

– capacità di esprimersi correttamente nella lingua italiana con un linguaggio tecnico appropriato

– capacità di organizzazione logica degli argomenti ed aderenza ai registri comunicativi richiesti

3.  qualità (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla qualità delle argomentazioni, e alla conoscenza de,i sistemi strutturali, delle tecnologie e dei materiali proposti

SECONDA PROVA SCRITTA (2° giorno)

1. completezza e coerenza (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla completezza e alla coerenza tematica rispetto alla traccia assegnata

2. correttezza (massimo 20 punti)

Valutazione in merito alla correttezza delle argomentazioni in particolare per gli aspetti riguardanti:

– capacità di esprimersi correttamente nella lingua italiana con un linguaggio tecnico appropriato

– capacità di organizzazione logica degli argomenti ed aderenza ai registri comunicativi richiesti

3. qualità (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla qualità delle argomentazioni, e delle conoscenze

PROVA ORALE

1.  Capacità di argomentazione (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla capacità di approfondimento e argomentazione.

2.  Cultura disciplinare (massimo 20 punti)

Valutazione in merito alla cultura di base e alle relative competenze.

3.  Deontologia professionale (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla conoscenza delle normative e della deontologia professionale.

tratto da…

ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO

I SESSIONE 2012

Ordinanza Ministeriale del 30/03/2012 e successive modificazioni

Documento stilato dalla Commissione e allegato ai verbali della seconda riunione preliminare (Sezione A; Sezione B) del 13 giugno 2012 (ndr.Genova)

Il presidente della Commissione: prof. arch. Raffaella Fagnoni

I membri effettivi:

prof. arch. Niccolo Casiddu, arch. Maurizio Sinigaglia, arch. Diego Zoppi, arch. Luciana Zuaro

Ai fini della trasparenza delle procedure, la Commissione stabilisce di pubblicare sul sito della Facoltà di Architettura i parametri di correzione delle prove pratiche, scritte ed orale delle Sezioni A e B.

 

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!