آزمون نظام مهندسی، کسب مجوز آغاز فعالیت حرفه ای به عنوان معمار در ایتالیا

آزمون نظام مهندسی، کسب مجوز آغاز فعالیت حرفه ای به عنوان معمار در ایتالیا

شرایط لازم برای دریافت مجوزفعالیت به عنوان معمار

امتحان نظام مهندسی در ایتالیا ،همانند ایران، شرط لازم جهت دریافت پروانه اشتغال به صورت حرفه ای در رشته معماری میباشد.این امتحان در سطح رسمی امکان استفاده از عنوان” معمار” را فراهم میکند، در غیر اینصورت فرد پس از فارغ التحصیلی ازدانشگاه تنها به عنوان “فارغ التحصیل معماری “شناخته میشود
لازم به ذکر است که این امتحان برای تازه فارغ التحصیلان ضروری نیست، درهر صورتی میتوانند به صورت کار آموزو یا همکارپروژه در دفاتر معماری مشغول به کار شوند

شرایط لازم جهت دریافت پروانه اشتغال

 مدرک کارشناسی ارشد معماری و مهندسی ساختمان
قبولی درآزمون نظام مهندسی، شامل سه امتحان کتبی و یک امتحان شفاهی
ثبت نام درانجمن حرفه ای معماران

انجمن حرفه ای معماران -که اخیرا رشته های برنامه ریزی شهری، طراحی منظر ومرمت آثار تاریخی نیز به آن اضافه شده، ارگانی جهت محافظت از حرفه معماری بوده و به صورت استانی ،استان محل اقامت و یا محل کار معمار، سازمان یافته است

 فارغ التحصیلان معماری دوره پنج ساله میتوانند در امتحان نظام مهندسی معمار ارشد شرکت کرده و در انجمن حرفه ای ثبت نام نمایند
فارغ التحصیلان دوره سه ساله لیسانس معماری میتوانند در امتحان نظام مهندسی معمارجونیور شرکت نمایند،اما درزمینه حرفه ای محدودیت هایی خواهند داشت.میتوانند مسئولیت همکاری با معماران ارشد ویا پروژه معماری ساختمان های ساده را بر عهده گیرند

به رسمیت شناختن عنوان حرفه ای معماری

معمارانی که تصمیم به فعالیت در کشورهای دیگراتحادیه اروپا را داشته باشند میتوانند ازمزیت تایید اعتبارمدارک تحصیلی خود به صورت خودکار بهره مند شوند. بر اساس قانون رسمی اتحادیه اروپا، معماران فارغ التحصیل از کشورهای ایتالیا،اسپانیا و فرانسه فقط در صورت داشتن پروانه اشتغال، نظام مهندسی ،میتوانند در تمام کشورهای عضو اتحادیه اروپا آغاز به فعالیت حرفه ای خود نمایند

اهمیت امتحان نظام مهندسی

اخذ پروانه اشتغال در ایتالیا امکانات مختلفی را در زمینه های متفاوت کاری فراهم می آورد. از جمله
آغاز فعالیت حرفه ای در دفاتر معماری ایتالیا و دیگر کشورهای اروپایی
آغاز فعالیت حرفه ای به طور مستقل
شرکت در مسابقات معماری ملی و بین المللی
حق امضای پروژه ها و گزارش ها به عنوان مسئول پروژه
باز کردن موقعیت بازنشستگی و ایجاد ثبات در وضعیت حقوقی

آزمون ها

آزمون نظام مهندسی به بخش های زیر تقسیم میشود
آزمون عملی با موضوع طراحی پروژه یک ساختمان و یا یک فضا درمقیاس شهری، به مدت 8 ساعت
آزمون کتبی در رابطه با محاسبات سازه ای پروژه طراحی شده
آزمون کتبی دوم مربوط به توضیح مشکلات فرهنگی و شناختی معماری معاصر، به مدت 4 ساعت
آزمون شفاهی که متشکل از نظرپردازی وتعمیق آزمون های اول ودوم بوده وهمچنین مقررات ساختمان ،آتش سوزی و سوال خواهد شد
آزمون های طراحی و محاسبات پروژه در یک روزانجام شده و آزمون کتبی دوم ، بسته به شهر محل امتحان، روز بعد ویا حتی یک ماه پس از امتحان برگزار میشود. متقاضی در صورت قبولی در سه آزمون قبلی امکان شرکت در آزمون شفاهی را خواهد داشت

پذیرش درآزمون نظام مهندسی

همان طور که گفته شد، نظام مهندسی یک اقدام اجرایی با مسئولیت مدنی و کیفری و درعین حال ضروری جهت ورود تازه فارغ التحصیلان به دنیای کار میباشد. مسلما دانشگاه ها نقش کمی را درزمینه آماده سازی دانشجویان برای این آزمون ایفا میکنند، با توجه به اینکه طراحی در آزمون به صورت دست آزاد بوده و زمان کوتاه آن نیاز به تمرین مستمر داردوهم چنین با توجه به اهمیت زیادی که به قوانین و مقررات ساختمان داده شده درحالیکه در سطح دانشگاه تاکید زیادی بر این موضوع نمیشود
با این حال لازم به ذکر است که این آزمونی غیر ممکن نیست، سوالات امتحان موضوعاتی خارج از پروژه ها و تجربیاتی که در آتلیه های معماری در دانشگاه کسب کرده ایم نیستند.شرط اول موفقیت در آزمون سرعت در طراحی با دست آزاد و بیان گرافیکی مناسب است که با برنامه ریزی و تمرین مستمر به دست می آید. سپس دانش کافی نسبت به مقررات ساختمان وشهرسازی، الزامات بهداشتی ،برنامه ریزی عملکردی و طراحی پایدار از اهمیت زیادی برخوردار است

esamearchitetto.me

با دوره های آموزشی خود یکی از معتبرترین موسسات در جهت آماده سازی کافی برای موفقیت در آزمون در سطح کشورمیباشد. این موسسه با برگزاری کلاس های حضوری، آنلاین و آزمون های آزمایشی، درصد قبولی بالایی در سال های گذشته در شهرهای روم، میلان، ناپل، فلورانس و پسکارا داشته است
برای اطلاعات بیشتربه زبان فارسی میتوانید با ایمیل زیرتماس گرفته و یا ازوب سایت بازدید نمایید

ati.diba@gmail.com

www.esamearchitetto.me

www.corsoesamedistatoarchitettura.it

Ordinanza Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015 #esamedistato

Ordinanza Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015 #esamedistato

Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2015. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001

 Ordinanza Ministeriale 27 marzo 2015 n. 198

Emblema Repubblica Italiana
Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

VISTO   il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni, recante  “Riforma dell’organizzazione del Governo, a norma dell’articolo 11 della legge 15  marzo 1997, n. 59” e, in particolare, l’articolo 2, comma 1, n. 11), che, a seguito della modifica apportata dal decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121, istituisce il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca;

VISTO   il decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121, recante “Disposizioni urgenti per l’adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell’articolo 1, commi 376 e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244” che, all’articolo 1, comma 5, dispone il trasferimento delle funzioni del Ministero dell’università e della ricerca, con le inerenti risorse finanziarie, strumentali e di personale, al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca;

VISTO   il decreto del Presidente della Repubblica 21 febbraio 2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 26 febbraio 2014, al n. 47, recante “Nomina dei Ministri”, con il quale la Sen. Prof.ssa Stefania Giannini è stata nominata Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca;

VISTO    il regio decreto 31 agosto 1933, n. 1592, recante “Approvazione del testo unico delle leggi sull’istruzione superiore”;

VISTO   il regio decreto 4 giugno 1938, n. 1269, recante “Approvazione del regolamento sugli studenti, i titoli accademici, gli esami di Stato e l’assistenza scolastica nelle Università e negli Istituti superiori”;

VISTA   la legge 8 dicembre 1956, n.1378, recante “Esami di Stato per l’abilitazione all’esercizio delle professioni”;

VISTO   il decreto ministeriale 9 settembre 1957, e successive modificazioni, recante “Approvazione del regolamento sugli esami di Stato di abilitazione all’esercizio delle professioni”;

VISTO   il decreto del Presidente della Repubblica 28 ottobre 1982, n. 980, e successive modificazioni, recante “Approvazione del regolamento per gli esami di Stato di abilitazione all’esercizio della professione di biologo”;

VISTO   il decreto del Presidente della Repubblica 27 marzo 2001, n. 195, concernente “Regolamento recante modifica al decreto del Presidente della Repubblica 28 ottobre 1982, n. 980, per l’abolizione del tirocinio ai fini dell’esame di Stato per l’esercizio della professione di biologo”;

VISTO    il decreto del Presidente della Repubblica 3 novembre 1982, n.981, e successive modificazioni, recante “Approvazione del regolamento per gli esami di Stato di abilitazione all’esercizio della professione di geologo”;

VISTI    i decreti ministeriali n. 239 e 240 del 13 gennaio 1992, concernenti rispettivamente “Regolamento recante norme sul tirocinio pratico post-lauream per l’ammissione all’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di psicologo” e “Regolamento recante norme sull’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di psicologo”;

VISTA   la legge 10 febbraio 1992, n. 152, recante “Modifiche ed integrazioni alla legge 7 gennaio 1976, n. 3, e nuove norme concernenti l’ordinamento della professione di dottore agronomo e di dottore forestale”;

VISTO   il decreto ministeriale 21 marzo 1997, n. 158, recante “Regolamento per gli esami di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di dottore agronomo e dottore forestale”;

VISTA   la legge 23 marzo 1993, n. 84, recante “Ordinamento della professione di assistente sociale e istituzione dell’albo professionale”;

VISTO    il decreto ministeriale 30 marzo 1998, n. 155, concernente “Regolamento recante norme sull’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di assistente sociale”;

VISTO    il decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509, e successive modificazioni e integrazioni, concernente “Regolamento recante norme concernenti l’autonomia didattica degli atenei”;

VISTO     il decreto ministeriale 4 agosto 2000 recante “Determinazione delle classi delle lauree universitarie”;

VISTO     il decreto ministeriale 28 novembre 2000 recante “Determinazione delle classi delle lauree specialistiche”;

VISTO     il decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n.270, concernente “Modifiche al regolamento recante norme concernenti l’autonomia didattica degli atenei, approvato con decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509”;

VISTO    il decreto ministeriale 16 marzo 2007, recante “Determinazione delle classi delle lauree universitarie”;

VISTO    il decreto ministeriale 16 marzo 2007, recante “Determinazione delle classi delle lauree magistrali”;

VISTO    il decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n.328, recante “Modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e delle relative prove per l’esercizio di talune professioni, nonché della disciplina dei relativi ordinamenti”;

VISTA    la richiesta congiunta delle Università La Sapienza e Roma Tre, trasmessa con nota prot. n. 4115/2014, volta ad istituire un’unica sede amministrativa e di svolgimento dell’esame di Stato di abilitazione all’esercizio della professione di geologo, da attribuirsi ad anni alterni ai due atenei;

UDITO    il parere del Consiglio Universitario Nazionale espresso nell’adunanza del 28 gennaio 2015;

 

O R D I N A:

 

ART. 1

Sono indette nei mesi di giugno e novembre 2015 la prima e la seconda sessione degli esami di Stato di abilitazione all’esercizio delle professioni di attuario e attuario iunior, chimico e chimico iunior, ingegnere e ingegnere iunior, architetto, pianificatore, paesaggista, conservatore e architetto iunior e pianificatore iunior, biologo e biologo iunior, geologo e geologo iunior, psicologo, dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro e dottore in tecniche psicologiche per i servizi alla persona e alla comunità, dottore agronomo e dottore forestale, agronomo e forestale iunior e biotecnologo agrario, assistente sociale specialista e assistente sociale.
Alle predette sessioni possono presentarsi i candidati che hanno conseguito il titolo accademico richiesto entro il termine stabilito per ciascuna sessione dai Rettori delle singole università in relazione alle date fissate per le sedute di laurea.

ART. 2

I candidati possono presentare l’istanza ai fini dell’ammissione agli esami di Stato in una sola delle sedi elencate per ciascuna professione nella tabella annessa alla presente ordinanza.

ART. 3

I candidati agli esami di Stato devono presentare la domanda di ammissione alla prima sessione non oltre il 22 maggio 2015 e alla seconda sessione non oltre il 16 ottobre 2015 presso la segreteria dell’università o istituto di istruzione universitaria presso cui intendono sostenere gli esami.
In ciascuna sessione non può essere sostenuto l’esame per l’esercizio di più di una delle professioni indicate nell’articolo 1.
Coloro che hanno chiesto di partecipare alla prima sessione e che sono stati assenti alle prove possono presentarsi alla seconda sessione producendo a tal fine nuova domanda entro la suddetta data del 16 ottobre 2015 facendo riferimento alla documentazione già allegata alla precedente istanza.
La domanda, in carta semplice, con l’indicazione della data di nascita e di residenza, deve essere corredata dai seguenti documenti:

a) diploma di laurea,  di laurea specialistica o laurea magistrale conseguita in base all’ordinamento introdotto in attuazione dell’articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni, o diploma di laurea conseguita ai sensi dell’ordinamento previgente, ovvero diploma universitario di cui alla tabella A) allegata al citato D.P.R. n. 328 del 2001, ovvero altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo, da attestare con una dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi dell’art. 46 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.
b) ricevuta dell’avvenuto versamento della tassa di ammissione agli esami nella misura di €.49,58 fissata dall’articolo 2, comma 3, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 21 dicembre 1990, salvi gli eventuali successivi adeguamenti.

I richiedenti sono inoltre tenuti a versare all’economato dell’università il contributo stabilito da ogni singolo ateneo ai sensi dell’articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 25 luglio 1997 n. 306. La relativa ricevuta va allegata alla documentazione di cui sopra.
La documentazione relativa al conseguimento del titolo accademico è inserita nel fascicolo del candidato a cura degli uffici dell’università o dell’istituto di istruzione universitaria competente per coloro i quali dichiarano nella domanda di aver conseguito il predetto titolo accademico nella stessa sede ove chiedono di sostenere gli esami di Stato.
I laureati in psicologia secondo l’ordinamento previgente, i laureati della classe 58/S e della classe LM 51 e i laureati della classe 34 e della classe L 24 che intendono sostenere gli esami di Stato di abilitazione all’esercizio della professione di psicologo devono presentare un attestato rilasciato dalla segreteria della competente facoltà dal quale risulti che abbiano svolto il tirocinio pratico prescritto dalle norme vigenti.
I candidati che al momento della presentazione della domanda di ammissione non abbiano completato il tirocinio ma che comunque lo completeranno entro la data di inizio degli esami
devono dichiarare nell’istanza medesima che produrranno l’attestato di compimento della pratica professionale prima dell’inizio dello svolgimento degli esami.
I candidati che non hanno provveduto a presentare la domanda nei termini sopraindicati sono esclusi dalla sessione degli esami cui abbiano chiesto di partecipare.
Le domande di ammissione agli esami si considerano prodotte in tempo utile anche se spedite a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento entro il prescritto termine. A tal fine fa fede la data dell’ufficio postale accettante.
Sono altresì accolte le domande di ammissione agli esami presentate oltre i termini di cui al primo comma qualora il Rettore o il Direttore, a suo insindacabile giudizio, ritenga che il ritardo nella presentazione delle domande medesime sia giustificato da gravi motivi.

ART. 4

I candidati che conseguono il titolo accademico successivamente alla scadenza del termine per la presentazione delle domande e comunque entro quello fissato dai singoli Atenei per il conseguimento del titolo stesso sono tenuti a produrre l’istanza nei termini prescritti con l’osservanza delle medesime modalità stabilite per tutti gli altri candidati, allegando una dichiarazione dalla quale risulti che hanno presentato la domanda di partecipazione agli esami di laurea.

 

ART. 5

I candidati cittadini italiani della Regione Trentino-Alto Adige che chiedono di sostenere l’esame in lingua tedesca devono presentare la domanda di ammissione agli esami di Stato relativi all’abilitazione all’esercizio delle professioni sottoelencate presso le seguenti sedi:

Attuario
Chimico
Roma
Bologna
Ingegnere Trento
Architetto Venezia
Dottore Agronomo e Dottore Forestale Bolzano
Biologo Bologna
Geologo Bologna
Psicologo Trieste
Assistente sociale Trento

ART. 6

I candidati all’esame di abilitazione all’esercizio di una professione per cui il decreto del Presidente della Repubblica 328/2001 prevede la ripartizione in settori nell’ambito delle sezioni devono indicare, per ciascuna sezione, il settore per il quale chiedono di partecipare agli esami in coerenza con lo specifico titolo accademico conseguito.

ART. 7

I possessori dei titoli conseguiti secondo l’ordinamento previgente alla riforma di cui al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, e ai relativi decreti attuativi, svolgono le prove degli esami di Stato secondo le disposizioni di cui  al decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328.

 

ART. 8

Gli esami di Stato per i possessori di laurea specialistica, di laurea magistrale o di laurea conseguita secondo il previgente ordinamento hanno inizio in tutte le sedi per la prima sessione il giorno 17 giugno 2015 e per la seconda sessione il giorno 18 novembre 2015. Per i possessori di laurea conseguita in base all’ordinamento introdotto in attuazione dell’articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n.127, e successive modificazioni, e di diploma universitario gli esami hanno inizio per la prima sessione il giorno 24 giugno 2015 e per la seconda sessione il giorno 25 novembre 2015.
Le prove successive si svolgono secondo l’ordine stabilito per le singole sedi dai Presidenti delle commissioni esaminatrici, reso noto con avviso nell’albo dell’università o istituto di istruzione universitaria sede di esami.

Roma, 27 marzo 2015
#date EdS 2014

#date EdS 2014

In base all’ordinanza ministeriale 21 febbraio 2014, sono state individuate le date per l’EdS 2014

SESSIONE ESTIVA

Termine di iscrizione 23 maggio 2014
Inizio esami laurea quinquennale 18 giugno 2014
Inizio esami laurea triennale 25 giugno 2014

SESSIONE AUTUNNALE

Termine di iscrizione 17 ottobre 2014
Inizio esami laurea quinquennale 19 novembre 2014
Inizio esami laurea triennale 26 novembre 2014

Download (PDF, 37KB)

#Percentuali di abilitati EdS in tutte le sedi. #architettura #ingegneria

#Percentuali di abilitati EdS in tutte le sedi. #architettura #ingegneria


Percentuali di promossi  agli esami di abilitazione in ingegneria ed architettura negli ultimi anni. Con indicate le sedi di corso EDA (ing. edile-architettura).
1780355_10203153825636316_2106838938_o

Avvertenze

I dati sono stati elaborati attraverso  fonti raccolte su internet, pertanto non sono ufficiali…ma verosimili, possiamo dire che sono dati  al  “condizionale giornalistico”.
Per eventuali errori si prega di segnalare il tutto con dati ufficiali.

Nel 2013 abbiamo registrato un aumento a Roma e Palermo, una diminuzione significativa ad Aversa e a Pescara.

 

[corso EdS Roma]


1 | L’abilitazione professionale #architetto

1 | L’abilitazione professionale #architetto


Per accedere alla professione di architetto in Italia sono richieste:

– Laurea in Architettura tab. – Classe XXX; laurea in Ingegneria edile e architettura tab. – Classe 4/S; o Architettura e Ingegneria edile – architettura tab.- Classe LM-4,(come specificato dal DPR. 328/2001 per gli esami di Stato negli Art.17 e Art. 18) e da D.M.9 luglio 2009. L’accesso alle Università in Italia è regolamentato con Decreti che ne regolano il numero programmato come per le professioni Mediche e Sanitarie.

– Abilitazione professionale, che si ottiene superando un esame di Stato che consiste in quattro prove (tre scritte e una orale).

– Iscrizione all’ordine professionale degli Architetti, Pianificatori Paesaggisti e Conservatori .

L’Ordine degli Architetti – che a seguito di una recente riforma raccoglie anche i pianificatori (urbanisti), i paesaggisti e i conservatori dei beni storico-architettonici – è il supremo organo di tutela professionale, ed è organizzato su base provinciale (in base al luogo di residenza dell’architetto) e ultimamente con norma europea che equipara il Domicilio professionale alla residenza. All’interno dell’ordine vi sono attualmente diverse classi e categorie, a seconda della specifica abilitazione.

Hanno diritto al titolo di dottore in architettura i laureati secondo i vecchi ordinamenti e quelli in possesso dell’attuale laurea quinquennale; i laureati del corso di laurea quinquennale sono automaticamente detentori del titolo di architetto; gli stessi possono sostenere l’esame di abilitazione per il titolo di architetto senior, pianificatore, paesaggista e conservatore e consequenzialmente iscriversi all’ordine professionale nella sezione A.

I laureati dei nuovi ordinamenti con laurea triennale hanno diritto a sostenere l’esame di abilitazione per iscriversi alla sezione B. Il loro titolo sarà quello di architetto iunior, ed avranno alcune limitazioni nell’ambito professionale, ovvero potranno svolgere attività di collaborazione alle attività di progettazione degli architetti e degli ingegneri e svolgere incarichi in forma autonoma relativamente a costruzioni civili semplici con l’uso di metodologie standardizzate.

La legge italiana riconosce prerogative equivalenti a quelle degli architetti anche agli ingegneri civili o edili regolarmente iscritti al rispettivo ordine, per quanto riguarda l’esercizio della professione. Pertanto anche un architetto  si può iscrivere all’ordine degli ingegneri e viceversa.

Rimane campo esclusivo dell’architetto l’intervento su manufatti storico-architettonici vincolati dalla legislazione specifica.

Altri professionisti del settore edilizio sono il geometra e il perito industriale specializzato in edilizia (perito edile); tali figure professionali hanno varie limitazioni rispetto ad architetti ed ingegneri ed anche, a seguito di un diverso e più breve percorso di studi, finalizzato all’apprendimento di aspetti basilari e complementari del lavoro nell’edilizia, nell’estimo, nella topografia e nella progettazione di medie strutture anche civili.

Esame di Stato Architetto_Indicazioni utili | #architetto

Esame di Stato Architetto_Indicazioni utili | #architetto

 

I Titoli di accesso:

Vecchio Ordinamento

Laurea in architettura (ordinamento didattico previgente D.M.509/99).

Settore Architettura

Classe 4/S Architettura e Ingegneria Edile – corso di laurea corrispondente alla direttiva 85/384/CEE;
Classe LM-4 Architettura e Ingegneria Edile-Architettura.

Settore Pianificazione Territoriale

Laurea in Urbanistica (ordinamento didattico previgente D.M.509/99);
Laurea in Pianificazione territoriale e urbanistica (ordinamento didattico previgente D.M.509/99);
Laurea in Scienze Ambientali (ordinamento didattico previgente D.M.509/99);
Classe 54/S Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale;
Classe 4/S Architettura e Ingegneria Edile;
Classe 4/S Architettura e Ingegneria Edile – corso di laurea corrispondente alla direttiva 85/384/CEE;
Classe LM-48 Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale;
Classe LM-4 Architettura e Ingegneria Edile-Architettura.

Settore Paesaggistica

Classe 3/S Architettura del Paesaggio;
Classe 4/S Architettura e Ingegneria Edile;
Classe 4/S Architettura e Ingegneria Edile – corso di laurea corrispondente alla direttiva 85/384/CEE;
Classe 82/S Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio;
Classe LM-3 Architettura del Paesaggio;
Classe LM-4 Architettura e Ingegneria Edile-Architettura
Classe LM-75 Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio.

Settore Conservazione dei beni architettonici e ambientali

Laurea in Storia e conservazione dei beni architettonici e ambientali (ordinamento didattico previgente D.M.509/99);
Classe 10/S Conservazione dei beni architettonici e ambientali;
Classe 4/S Architettura e Ingegneria Edile;
Classe 4/S Architettura e Ingegneria Edile – corso di laurea corrispondente alla direttiva 85/384/CEE;
Classe LM-10 Conservazione dei beni architettonici e ambientali;
Classe LM-4 Architettura e Ingegneria Edile-Architettura.
Se non trovi la tua laurea tra i titoli ammessi all’esame di stato consulta la tabella delle equiparazioni tra diplomi di lauree di vecchio ordinamento, lauree specialistiche e lauree magistrali.

Programma d’esame

Settore Architettura

L’Esame di Stato per questo settore è articolato nelle seguenti prove:

– una prova pratica avente ad oggetto la progettazione di un’opera di edilizia civile o di un intervento a scala urbana;
– una prova scritta relativa alla giustificazione del dimensionamento strutturale o insediativo della prova pratica;
– una seconda prova scritta vertente sulle problematiche culturali e conoscitive dell’architettura;
– una prova orale consistente nel commento dell’elaborato progettuale e nell’approfondimento delle materie oggetto delle prove scritte, nonché sugli aspetti di legislazione e deontologia professionale.

Settore Pianificazione Territoriale

L’Esame di Stato per questo settore è articolato nelle seguenti prove:

– una prova pratica avente ad oggetto l’analisi tecnica dei fenomeni della città e del territorio o la valutazione di piani e programmi di trasformazione urbana, territoriale e ambientale;
– una prova scritta in materia di legislazione urbanistica;
– una discussione sulle materie oggetto della prova scritta e pratica, nonché sugli aspetti di legislazione e deontologia professionale.
Settore Paesaggistica

L’Esame di Stato per questo settore è articolato nelle seguenti prove:

una prova pratica avente ad oggetto le tematiche paesaggistiche ed ambientali;
una prova scritta su temi di cultura ambientale e paesaggistica;
una discussione sulle materie oggetto della prova scritta e pratica, nonché sugli aspetti di legislazione e deontologia professionale.
Settore Conservazione dei beni architettonici e ambientali

L’Esame di Stato per questo settore è articolato nelle seguenti prove:

due prove scritte sui temi di cultura e tecnica della conservazione;
una discussione sulle materie oggetto delle prove scritte, nonché sugli aspetti di legislazione e deontologia professionale.

#02_Il quadro  normativo per Esame  di Stato di Architetto

#02_Il quadro normativo per Esame di Stato di Architetto

Una volta laureato presso la facoltà di architettura, si è ufficialmente pronti ad affrontare l’esame di stato, utile ai fini dell’abilitazione all’esercizio della professione da architetto ed all’iscrizione all’albo professionale.
La normativa per diventare Architetto [in pdf].

Criteri di Valutazione Esame di Stato #Architetto |  #abilitazione #consigliutili

Criteri di Valutazione Esame di Stato #Architetto | #abilitazione #consigliutili

A  Genova, una commissione ha regolamentato i parametri di correzione delle prove pratiche, scritte ed orale delle Sezioni A e B.

Prescindendo dai punteggi, possiamo prendere per buoni questi parametri per tutte sedi d’Italia.

Sono parametri oggettivi per una sana valutazione, quasi ovvi,  un “modus operandi” tipico di un architetto-esaminatore  di una certa esperienza.

Cogliamo questo momento di scrittura, per ricordare ai colleghi architetti che si accingono a fare i commissari che l’EdS è una cosa seria, è un atto amministrativo con responsabilità civili e penali, pertanto occorre dedizione e attenzione. Consigliamo di collaudare prima i temi e di redigere un regolamento da allegare  agli atti.

segue….

PRIMA PROVA PRATICA (l°giorno)

1. completezza e coerenza (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla completezza e alla coerenza del progetto, attinenza del progetto alle tracce assegnate.

2. correttezza (massimo 20 punti)

Valutazione in merito alla correttezza delle soluzioni adottate, in particolare per gli aspetti riguardanti:

– organizzazione funzionale

– rispondenza alle norme

– requisiti igienico-sanitari

– efficienza energetica e sostenibilità

3. qualità (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla qualità della soluzione progettuale, in particolare per quanto riguarda i seguenti aspetti:

– qualità comunicativo-informativa e grafica

– qualità delle soluzioni tecniche e tecnologiche proposte

– qualità ambientale

PRIMA PROVA SCRITTA (l°giorno)

1.  completezza e coerenza (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla completezza e alla coerenza rispetto alla traccia assegnata

2.  correttezza (massimo 20 punti)

Valutazione in merito alla correttezza delle argomentazioni in particolare per gli aspetti riguardanti:

– capacità di esprimersi correttamente nella lingua italiana con un linguaggio tecnico appropriato

– capacità di organizzazione logica degli argomenti ed aderenza ai registri comunicativi richiesti

3.  qualità (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla qualità delle argomentazioni, e alla conoscenza de,i sistemi strutturali, delle tecnologie e dei materiali proposti

SECONDA PROVA SCRITTA (2° giorno)

1. completezza e coerenza (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla completezza e alla coerenza tematica rispetto alla traccia assegnata

2. correttezza (massimo 20 punti)

Valutazione in merito alla correttezza delle argomentazioni in particolare per gli aspetti riguardanti:

– capacità di esprimersi correttamente nella lingua italiana con un linguaggio tecnico appropriato

– capacità di organizzazione logica degli argomenti ed aderenza ai registri comunicativi richiesti

3. qualità (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla qualità delle argomentazioni, e delle conoscenze

PROVA ORALE

1.  Capacità di argomentazione (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla capacità di approfondimento e argomentazione.

2.  Cultura disciplinare (massimo 20 punti)

Valutazione in merito alla cultura di base e alle relative competenze.

3.  Deontologia professionale (massimo 15 punti)

Valutazione in merito alla conoscenza delle normative e della deontologia professionale.

tratto da…

ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO

I SESSIONE 2012

Ordinanza Ministeriale del 30/03/2012 e successive modificazioni

Documento stilato dalla Commissione e allegato ai verbali della seconda riunione preliminare (Sezione A; Sezione B) del 13 giugno 2012 (ndr.Genova)

Il presidente della Commissione: prof. arch. Raffaella Fagnoni

I membri effettivi:

prof. arch. Niccolo Casiddu, arch. Maurizio Sinigaglia, arch. Diego Zoppi, arch. Luciana Zuaro

Ai fini della trasparenza delle procedure, la Commissione stabilisce di pubblicare sul sito della Facoltà di Architettura i parametri di correzione delle prove pratiche, scritte ed orale delle Sezioni A e B.

 

#architetto, discorsi intorno al suo esame di stato

#architetto, discorsi intorno al suo esame di stato

Miti, falsità, leggende, improvvisatori, cugini, tutti concorrono a creare il caos intorno all’EdS.

Proviamo a fare chiarezza.

L’esame di Stato sarà eliminato a breve?

Essendo l’esame di stato per alcune professioni riportato sulla Costituzione Italiana (art. 33 comma 5), per eliminarlo vi è bisogno di una modifica costituzionale o un colpo di Stato.

Superano l’esame di Stato solo i raccomandati?

Se esistono questi illeciti amministrativi, in Italia  noi non lo sappiamo, sappiamo che esiste il problema del traffico; in ogni caso certamente in misura molto minore agli usi e costumi Italici, per il semplice fatto che è uno dei pochi  concorsi che dura otto ore tra china e squadre.

L’esame di Stato è per iniziati?

Il termine iniziazione identifica un inizio. Il verbo relativo, iniziare, sta a significare l’avviare una particolare azione o evento.

Praticamente si. E non stiamo parlando delle tracce improbabili preparate da Dan Brown…quelle sono un’altra cosa.

Quanto costa l’esame di Stato?

Sommate tutte le ore perse in giro su internet a cercare materiali. Sommate il tempo perso per sterili discussioni intorno al calcolo del volume. Sommate il costo della ricerca del “libro della verità”. Sommate il tempo perso negli studi professionali per estorcere delle informazioni utili dal vostro architetto/datore ( però di solito il datore paga).

Sommate il tempo perso per cercare di codificare gli ideogrammi lessicali dell’appunto trovato.

Sommate i soldi spesi delle tasse ogni volta che vi hanno bocciato.

Sommate le umiliazioni da parte del tuo docente durante “l’assistentaggio” post-laurea.

Sommate il tempo per cercare la mitica raccomandazione.

Sommate quel”vedi …all’università…non vi imparano niente”.

Sommate quel”..per i soldi architè..… poi vediamo”

Sommate quel” non ti posso pagare, perché ancora non hai il timbro…sai le norme, i codici, la crisi mediorientale”

Sommate quel “ certo che ti pago basta..che ..mi porti lavoro, non ti preoccupare il timbro te lo metto ..io”

Sommate quel ”vedi tuo cugino/a…già si è sistemato” .

Ps:…non è che poi anche con il timbro le cose cambino molto, però vi permette di allargare l’aliquota delle persone che potete mandare ad arare nei campi.

Ci raccomandiamo  poi di aderire alla campagna di sensibilizzazione dell’italiano   per il rispetto dei lavori creativi.

Frequentando uno studio professionale, supero l’esame di stato?

Frequentandolo un paio di anni, tra risatine del geometra, gli sguardi del marpione di turno, gli isterismi dell’architetto capo.. e della moglie/compagna/amante (dell’architetto capo) ……..forse.

L’Università prepara per la professione?

Decisamente poco

L’Università prepara per l’esame di Stato?

Decisamente poco

Che tipo di impegno ci vuole per superare l’esame di  Stato?

Occorre un impegno “fisico” oltre che “mentale”.

Un impegno fisico, per svolgere gli esercizi a casa, per passare dalla tastiera a pennini e squadrette.

Un impegno fisico da ritagliarsi, tra gli impegni lavorativi, la famiglia, le cene, o la preparazione al matrimonio.

Non correggono tutti i temi? *

Le modalità d’esame, così come la correzione degli elaborati, sono disciplinate dal D.M 9 settembre 1957, che modifica e integra il R.D. 4 giugno 1938, n. 1269. Come molto spesso avviene, è alla discrezionalità del presidente di commissione fissare le regole di correzione e probabilmente tre sono le diverse modalità nelle procedure giudizio, con, in alcuni casi, livelli di discrezionalità tali da ingenerare l’erronea impressione che alcuni temi non siano stati corretti:

– Un primo caso prevede che tutta la commissione riunita corregga collegialmente tutti i temi; in questo caso c’è una buona uniformità di giudizio.

– In un secondo caso, specie nelle sedi ove è abbastanza ricorrente una continuità di macro tematiche( ad esempio a Milano esce quasi sempre un tema urbanistico, un tema progettuale e un tema di recupero), spesso i compiti vengono suddivisi per tipologia di tema e all’interno della commissione viene identificato l’esperto di ogni tematica che correggerà tutti i temi con lo stesso oggetto; anche in questo caso si ottiene una buona uniformità di giudizio della prova grafica

– Un terzo caso, infine, prevede che, con estrema casualità i temi svolti vengano suddivisi tra i commissari e ognuno, di sua sponte, decida, sulla base delle sue conoscenze e dei suoi gusti, come giudicare i progetti che deve correggere; in questo caso può capitare che progetti con stesse caratteristiche siano giudicati positivamente o negativamente, con conseguente mancata ammissione all’orale, a seconda di chi li ha corretti.

A queste considerazioni va aggiunto il fatto che nelle procedure di correzione i commissari non sono obbligati ad utilizzare “penna rossa e blu” di antica memoria per evidenziare errori sugli elaborati, ma solo a redigere un verbale con le motivazioni di esclusione; quindi se gli elaborati non presentano segni particolari, ciò non significa che gli stessi non siano stati corretti. E se si accettano le tre ipotesi di modalità sopra riportate, che si basano su dati oggettivi osservati in 17 anni di attività formativa, ecco che a tutte le storture denunciate si può provare a dare una spiegazione logica. Ciò chiaramente non vuole giustificare la terza modalità eccessivamente soggettiva, anzi si auspica che venga maggiormente oggettualizzato l’esame, le sue procedure, le tematiche e i metri di giudizio.

*fonte : http://www.afcstudio.it/leggende.php

 

Pin It on Pinterest